Reperibilità 24H/24H 365 Giorni all'anno.


  Contatti : 030 316761 - 334 5440662

Servizio di anatomia patologia – Autopsie di animali da affezione

Le ragioni per cui dopo il dolore della perdita del proprio animale si dovesse ritenere necessaria un’autopsia sono le più svariate. In medicina umana l’autopsia è ritenuta indispensabile ogni qual volta non sia nota la causa di morte.
La Clinica Veterinaria San Carlo ha recentemente attivato un servizio di anatomia patologia per l’esecuzione di autopsie post-mortem con rilascio di referto. Il servizio è rivolto alla clientela della clinica ma è aperto anche all’utente esterno, proprietario o veterinario.

Il rigore e l’imparzialità scientifica sono garantite dalla presenza di un professionista esterno che non svolge attività clinica all’interno della struttura ma si occupa esclusivamente di questo servizio. Le autopsie vengono svolte entro 3 giorni dalla richiesta e la refertazione entro una settimana dall’esecuzione dell’esame. Attraverso l’esame necroscopico è possibile ottenere campioni tissutali dagli organi ritenuti patologici da sottoporre ad esame istopatologico, esame ritenuto necessario e complementare ai fini della diagnosi nella maggior parte dei casi.
Non si deve pensare all’autopsia solo nei casi dove è sospettata una morte dolosa (avvelenamento ecc.) o nel caso di contenzioso con il medico veterinario. Lo scopo per il quale la Clinica Veterinaria San Carlo incoraggia le autopsie è l’innegabile utilità ai fini diagnostici, epidemiologici, didattici e scientifici. Nel corso dell’evoluzione storica della Medicina, infatti, l’esame autoptico ha rivestito un ruolo di fondamentale importanza per la comprensione dei processi morbosi, e questo ruolo non si è affatto esaurito per la Medicina Veterinaria, ancor più bisognosa di dati certi su cui basare le conoscenze future. Ci sentiamo pertanto di scoraggiare l’accesso a questo servizio al solo fine di ottenere un referto impugnabile, bensì invitiamo tutti i proprietari e colleghi veterinari a richiedere l’esame autoptico nell’interesse proprio, degli animali eventualmente conviventi con l’animale deceduto, e, non da meno, nell’interesse della scienza medico-veterinaria.