Il Morbo di Cushing nel cane

La sindrome di Cushing o iperadrenocorticismo è una delle malattie endocrine più frequenti nel cane e consiste nell'aumentata concentrazione di cortisolo nel sangue; il cortisolo è un ormone prodotto da due importante ghiandole, le surrenali – poste accanto ai reni, che agisce come regolatore della pressione sanguigna, del bilancio elettrolitico, del metabolismo e del sistema immunitario. 

 

Questa malattia interessa maggiormente individui di età superiore ai 6 anni, nonostante sia stato riscontrato qualche caso anche in cani più giovani. Tra le razze canine maggiormente predisposte citiamo i bassotti.   


Quali sono le principali cause della sindrome di Cushing?

Nell’85% dei casi il responsabile della sindrome di Cushing è la presenza di tumore all’ipofisi. Questo tipo di neoplasia, generalmente, ha natura benigna e si manifesta mantenendo piccole dimensioni, raramente arreca danni al sistema neurologico. Nel restante 15% dei casi, la causa può essere collegata alla presenza di tumore alle ghiandole surrenali, di natura maligna e di difficile rilevazione. 
Una categoria a parte, infine, è rappresentata dai casi di ipercortisolismo provocati da una prolungata somministrazione di farmaci (farmaci corticosteroidei). 

 

Quali sono i segnali d'allarme che possiamo notare nel nostro cane?

Il cane affetto da morbo di Cushing presenta alcuni sintomi caratteristici come: 

  • l'aumento dell'appetito e della sete 
  • l'aumento della produzione di urine 
  • perdita di pelo e cute più scura 
  • l'aumento del volume dell’addome e diminuzione della massa muscolare 

Questi segnali possono essere un primo campanello d'allarme, ma per diagnosticare con certezza la presenza del morbo di Cushing è importante recarsi dal veterinario per una visita approfondita. 
Uno dei primi passi prevede l’esecuzione di esami del sangue e delle urine, in modo da verificare l’eventuale presenza di valori anomali; successivamente viene eseguita un’ecografia addominale, con l’obiettivo di studiare con precisione morfologia e dimensioni delle ghiandole surrenali, ed un test specifico sempre sul sangue per dosare la loro produzione di cortisolo. 
A seconda dei risultati ottenuti, il medico veterinario potrà definire la diagnosi e predisporre un eventuale piano terapeutico.

 

Come curare la sindrome di Cushing?

Una volta accertato che il cane è affetto dalla sindrome di Cushing, il trattamento da intraprendere dipende dalla causa di insorgenza della malattia. 
Nei casi in cui la patologia è causata dalla presenza di un tumore a carico della ghiandola surrenale o dell'ipofisi, può essere necessario e risolutivo un intervento chirurgico. 
Quando, invece, il morbo di Cushing non è causato da tumori ghiandolari o in caso questi tumori siano inoperabili, la chirurgia viene automaticamente esclusa, pertanto si procedere con cure farmacologiche allo scopo di ridurre i sintomi nel paziente. 
Tra i farmaci, il più noto è il Trilostano, disponibile in capsule per somministrazione orale, che inibisce la produzione di cortisolo.
 Il trattamento farmacologico andrà continuato per tutta la vita del cane e richiederà il costante monitoraggio da parte del veterinario, poiché si tratta di farmaci che vanno dosati con estrema cura a seconda del cane e della risposta al trattamento.

 

Per qualsiasi informazione, chiarimento o dubbio non esitate a contattarci, siamo sempre a disposizione per aiutare il vostro cane a stare meglio. Vi aspettiamo a Brescia in via Pascoli 1/C, vienite a trovarci!

Leggi i nostri ultimi articoli

Prendersi cura di cani e gatti è una gioia, ma anche un impegno! Nel nostro blog alcuni suggerimenti per farlo al meglio.

I veterinari della San Carlo

Ci occupiamo dei vostri animali domestici con amore e professionalità. Crediamo nella formazione e continuiamo ad aggiornarci per offrire ai nostri pazienti le migliori prestazioni.

Aree cliniche

Ortopedia, cardiologia, oftalmologia, radiologia, oncologia... Professionalità dei veterinari e tecnologie all'avanguardia per un'offerta clinica a 360°.

Anche cani e gatti possono donare il sangue

Scopri perchè è nata la Fondazione San Carlo e se anche i tuoi animali possono essere iscritti nel nostro registro donatori.

PER APPUNTAMENTI E INFORMAZIONI
chiamare lo 030/316761

Orari di visita:

Lunedì, mercoledì e venerdì: 9.30 - 12.30 / 15.30 - 19.30

Martedì, giovedì e sabato: 9.30 - 12.30 / 14.30 - 19.30 

Per appuntamenti:

Chiamare dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 19.30.

Apertura Pronto Soccorso:

7 giorni su 7 - 24 ore su 24

 

La Clinica Veterinaria San Carlo si trova in Via G. Pascoli, 1/C - Brescia, accanto all'Esselunga di Via Milano.

Condividi su:

Condividi su Facebook