La cataratta nel cane e nel gatto: cos’è e come si può intervenire

In questo articolo affronteremo un argomento che tocca sia i bipedi che i quadrupedi, ovviamente focalizzandoci sui secondi. Si tratta infatti di una patologia comune – pur con delle differenze – ad umani e animali domestici: la cataratta
La sua insorgenza compromette in modo più o meno grave la vista del paziente affetto, per questo è opportuno consultare un veterinario competente per accertarne natura ed operabilità; in moltissimi casi la cataratta è trattabile, come vedremo poi, e in una percentuale davvero alta di casi (circa il 95%) con successo.  

 

Cos’è la cataratta?
La cataratta, negli esseri umani quanto negli altri animali, consiste nell’opacizzazione, più o meno diffusa, del cristallino all’interno dell’occhio.
Potete pensare al cristallino come a una lente trasparente posizionata dietro l’iride e che permette di mettere a fuoco le immagini sulla retina.  
Questa opacizzazione si distingue per stadio di avanzamento (“incipiente” nel suo stadio iniziale, “matura” o “ipermatura” negli stadi avanzati), per posizione e per aspetto. 
Un’importante precisazione è dovuta: con l’avanzare dell’età il cristallino è portato ad un addensamento fisiologico nella sua parte centrale, chiamato nucleosclerosi, che si presenta come un riflesso nero-bluastro negli occhi del soggetto. La nucleosclerosi è diversa dalla cataratta ed è semplicemente un segno dovuto all’età che avanza. Nei cani anziani compare solitamente dopo i 7-8 anni, mentre nei gatti intorno ai 12-13 anni. 
Quando, al contrario, il cane o il gatto presentano una opacizzazione biancastra all’interno dell’occhio, vi raccomandiamo di portare il prima possibile l’animale dal veterinario per una visita più approfondita: la cataratta infatti, se non opportunamente trattata, può causare una diminuzione della vista, fino alla cecità, ma anche determinare infiammazioni intraoculari (uveite) che a loro volta potrebbero degenerare in glaucoma.

 

Le cause della cataratta nei cani e nei gatti:
Le cause della comparsa di cataratta possono essere diverse; le più comuni sono:

  • Cause ereditarie e/o congenite: nel corredo cromosomico di molte razze di cani e gatti possono essere presenti più o meno geni responsabili dello sviluppo della cataratta, che potrebbero presentarsi in momenti diversi della vita dell’animale. Alcune tipologie possono essere addirittura congenite, cioè essere presenti fin dalla nascita; pertanto è opportuno intervenire tempestivamente e curare la patologia permettendo alla retina di svilupparsi. 
  • Cause metaboliche: in questi casi la comparsa di cataratta è direttamente associata alla presenza nel cane o nel gatto di diabete mellito
  • Cause traumatiche: un trauma oculare diretto (come un corpo estraneo nell’occhio) o indiretto (un trauma cranico) agli occhi del vostro animale domestico potrebbe causare la comparsa di cataratta, anche a distanza di tempo dal trauma.

 

Il trattamento della cataratta nel cane e nel gatto:
Come dicevamo, la cataratta è trattabile con successo in moltissimi casi. L’unico rimedio possibile è di tipo chirurgico: la facoemulsificazione.
L’intervento viene effettuato in anestesia totale e prevede l’utilizzo di ultrasuoni che frammentano la cataratta permettendo l’asportazione del cristallino, successivamente sostituito con una lente artificiale capace di risolvere il problema in via definitiva.
Durante il periodo pre e post operatorio, l’animale dovrà essere sottoposto a delle cure farmacologiche attraverso specifici colliri e/o compresse. Inoltre, dopo l’intervento, dovrà indossare per circa 2 settimane un collare elisabettiano. 

I veterinari della San Carlo

Ci occupiamo dei vostri animali domestici con amore e professionalità. Crediamo nella formazione e continuiamo ad aggiornarci per offrire ai nostri pazienti le migliori prestazioni.

Aree cliniche

Ortopedia, cardiologia, oftalmologia, radiologia, oncologia... Professionalità dei veterinari e tecnologie all'avanguardia per un'offerta clinica a 360°.

Anche cani e gatti possono donare il sangue

Scopri perchè è nata la Fondazione San Carlo e se anche i tuoi animali possono essere iscritti nel nostro registro donatori.

PER APPUNTAMENTI E INFORMAZIONI
chiamare lo 030/316761

Orari di visita:

Lunedì, mercoledì e venerdì: 9.30 - 12.30 / 15.30 - 19.30

Martedì, giovedì e sabato: 9.30 - 12.30 / 14.30 - 19.30 

Per appuntamenti:

Chiamare dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 19.30.

Apertura Pronto Soccorso:

7 giorni su 7 - 24 ore su 24

 

La Clinica Veterinaria San Carlo si trova in Via G. Pascoli, 1/C - Brescia, accanto all'Esselunga di Via Milano.

Condividi su:

Condividi su Facebook